Quali gli ingredienti di un Buon Sistema? Eccone alcuni. I fondamentali:

Step #1. Uscita del Tecnico in Cantiere.

Attenzione: ho scritto Tecnico. Non accettate una figura  qualunque che prenda le misure in Casa. Col Rilievo “ inizia di fatto la Posa “. Per cui in Casa deve venire chi di fatto dirigerà le fasi di Posa, ossia Il Progettista del Nodo. Non Il Posatore, che non ha alcuna competenza in termini di Prestazioni ed Minimi di Normativa. Sarebbe come pretendere che il Muratore si sostituisse al Progettista. Glielo consentireste?

In questa delicata fase che i più chiamano di Rilievo, il Progettista:

  1. Prende atto della situazione esistente individuando i punti problematici
  2. Individua la Tecnologia di Rimozione del Vecchio e Posa del Nuovo
  3. Decide i Livelli e le Metodologie di Sigillatura
  4. Fissa il Metodo di Rifinitura Estetica
  5. Stima la Tempistica di Esecuzione

Le figure del Cliente, Progettista e Impresa dovrebbero essere presenti contemporaneamente in questa Fase per avere, tutti, un quadro generale del Criterio da seguire nella Posa.

Successivamente, questo Criterio dovrà essere cristallizzato in forma scritta e reso noto alle stesse figure.

j

Gli Schizzi di Cantiere.

E’ fondamentale saper realizzare degli schizzi di Cantiere a mano libera. Spesso già questi bastano a far capire alle Maestranze quale sia il risultato atteso.

In questi Schizzi non è mai consigliato abbondare di Tecnicismi. Devono essere intelleggibili a Muratori e Committenza. La Competenza del Tecnico, in questa Fase, è fondamentale. 

 

Step #2. Progettazione dei Nodi di Posa.

Ed eccoci alla Fase numero 2 in senso Logico. Qui il Progettista/Serramentista ha tutte le Informazioni ( schemi di massima, note, fotografie, promemoria, indicazioni della Direzione Lavori e dell’ Impresa, preferenze del Cliente ) e può mettere giù una bozza dei Nodi Primario e Secondario. A mano va benissimo, anzi consente al Cliente di apprezzare che quella soluzione è la “sua”, non un copia ed incolla.

Qui scatta un’altra Norma: la UNI 10818. Il Progettista/Serramentista deve inviare copia di questo suo schema al Progettista dell’ opera, alla D.L., al Committente ed all’ Impresa. Progettista e D.L. dovrebbero, sempre per la UNI 10818, redigere un esecutivo in senso stretto sulla base dello schema del Progettista/Serramentista. Uso il condizionale perchè non ho mai trovato un Progettista che si sia assunto l’ onere ed abbia prodotto tale elaborato. La presa visione dello schema inviato dal Progettista/Serramentista diventa, per prassi, accettazione dello stesso ed il Progettista/Serramentista, di fatto, si sostituisce al Progettista dell’ Opera per quanto attiene la progettazione dei due Nodi primario e secondario, fermo restando che il vero responsabile della prestazione degli stessi rimane sempre, per Legge, il Progettista dell’ Opera che si presume conosca i meccanismi di funzionamento dei Nodi e gli schemi previsti per lo specifico cantiere.

In questa Fase prende forma la Tecnologia di Posa: si decidono gli spazi utili ad ospitare i controtelai, gli infissi, i nastri espandenti, le schiume, i sigillanti, i coprifili, le zanzariere, gli oscuramenti e tutto quello che è stato previsto in fornitura. Unica norma in mente? Ancora la UNI 11673 per la Posa e la 7697 per le Vetrazioni.

Ora il dettaglio tecnico diventa più fino: si arriva ad un elaborato in CAD, molto preciso e riproducibile. Anche questo da inviare alle figure coinvolte nella Fornitura.

U

Progettazione su Autocad.

Dallo Schizzo si passa al CAD. L’ utilizzo del Software aiuta ad individuare criticità non rilevabili dagli Schizzi a Mano libera. Inoltre, in questo modo, si crea, nel tempo, una Biblioteca dei Caratteri, ossia una Banca Dati Digitale, ripetibile, stampabile e condivisibile.  Ingenio oggi dispone di un Atlante di 580 Tavole Grafiche.

Step #3. Fornitura e Posa dei Controtelai.

In questa Fase si inizia a toccare con mano la Fornitura. I Controtelai vengono mandati in produzione, ritirati e posati dall’ Impresa esecutrice dei Lavori, controllati dal Progettista/Serramentista che verifica la perfetta messa in opera, l’ inesistenza di ingombri non previsti nella sede dell’ infisso e procede al successivo invio in Fabbrica dell’ ordine vero e proprio. Qui è fondamentale che il Progettista sappia dare indicazioni ferme all’ Impresa evitando che quest’ultima possa mettere in campo scorciatoie procedurali che portano sempre ad una cattiva riuscita di tutta la fornitura.

Posa dei Controtelai/Monoblocco

Sul Nuovo o in Ristrutturazione pesante è consigliabile prevedere i Controtelai o, mglio, i Monoblocchi. Questi ultimi integrano tutto ciò di cui l’ Infisso ha bisogno per dare il massimo negli anni: tapparella, motore, zanzariera. Inoltre sono costruiti con materiali che assicurano un isolamento termico eccellente.

Step #4. Invio delle Indicazioni al Posatore e confronto con quest’ ultimo.

Ora che tutto è cristallizzato e gli Infissi sono in produzione, è venuto il momento di coinvolgere il Posatore, colui che effettuerà fisicamente la Posa. Quasi tutti i Rivenditori parlano col Posatore… La mattina in cantiere! Ebbene questo significa avere un’ alta possibilità che:

  1. Il Posatore non abbia caricato tutti i materiali ( viti, sigillanti, colori, attrezzi particolari )
  2. Il Posatore sia impreparato a lavorazioni specifiche sulle quali avrebbe avuto necessità di riflettere qualche giorno in autonomia o confrontarsi col Progettista/Serramentista.
  3. Il Posatore eccepisca difficoltà sottovalutate in Rilievo.
o

Comunicazione Interna: fondamentale!

Di Fianco abbiamo riportato un esempio di come dovrebbe essere la Comunicazione tra Showroom e Squadra di Posa. Nel 2019 non è più concepibile non sfruttare il Cloud per tenere aggiornate le figure di Cantiere. Si evitano fraintendimenti. Si velocizza il Sistema. E il Cliente ne beneficia.

Step #5. La Posa in Opera della Fornitura.

Arriviamo alla fase materiale e fisica della Fornitura: la Posa in Opera. Il Posatore ha il quadro ben chiaro, ha tutte le indicazioni sempre disponibili e consultabili sul suo Smartphone e procede all’ Installazione della Fornitura, rispettando quanto previsto dalla UNI 11673, le richieste del Progettista/Serramentista e il Brogliaccio di Posa, un documento interno che guida la Posa specifica del cantiere. Ma la cosa Fondamentale è questa: deve essere presente, nelle fasi salienti, il Progettista/Serramentista, per dare indicazioni extra e sempre preziose al Posatore. L’ Imprevisto è infatti una costante e va gestito da chi ha ideato il Nodo di Posa e quindi da colui che ha ben chiaro il quadro generale della Fornitura.

Z

La Fase Cruciale!

Il prodotto di tutte le fatiche! laughing Tutto è in ordine e la Fase di Installazione si conclude con un successo e… Possibilmente con un altro Cliente contento che saprà parlar bene di noi.

Step #6. Il Collaudo Finale.

Fase Legalmente Cruciale: alla presenza della Committenza ( ma non è obbligatoria in quanto il Documento avrà un Timbro di appartenenza all’ Ordine degli Ingegneri e quindi di per sè con valore di Atto a Valenza Pubblica ) il Tecnico redige il verbale di Collaudo, registrando eventuali anomalie o certificando che la Fornitura non presenta Vizi e Difetti visibili alla data di Fine Posa. Il Verbale di Collaudo è Cruciale poichè:

  1. Attiva le Garanzie, di Legge e del Produttore.
  2. Cristallizza la Fornitura ad una Data Certa.
  3. Comprova l’ adempimento contrattuale.
  4. E’ richiesto dai CAF nell’elenco documentale finalizzato alle Detrazioni Fiscali.

Certifichiamo che tutto sia Ok.

Ecco come dovrebbe presentarsi un Modulo di Collaudo. In esso vengono riportate le caratteristiche essenziali della fornitura e lo stato post/installazione. Se c’è qualcosa che non va lo si verbalizza e ciò basta al Cliente per avere impegno scritto del Fornitore ad attivare la Garanzia. Oppure si verbalizza la perfetta esecuzione.

Il Collaudo Positivo determina l’ Attivazione della Garanzia sulla Posa.

Se la Posa è stata effettuata con i dettami della UNI 11673 la Garanzia dovrebbe essere di 10 Anni e coprire:

  1. Infiltrazioni di Acqua
  2. Passaggi di Aria dal Nodo Serramento/Infisso

Ovviamente il tutto deve essere messo Nero su Bianco.

Step #7. Il Post-Vendita.

Ultimo, ma non per importanza! Il Post Vendita. Il Venditore deve garantire una risposta a tutti i problemi che dovessero presentarsi dopo l’ installazione, che siano o meno coperti da Garanzia. Anche qui è bene avere un paragrafo del contratto dedicato a questo argomento, da cui si possa comprendere bene:

 

  1. Termini di Copertura Garanzia
  2. Tempi di Intervento
  3. Costi di Intervento per Fuori Garanzia

Post-Vendita!

Il Venditore deve poter disporre di Mezzi ed Attrezzature idonee a garantirgli di poter effettuare gli interventi di riparazione in tutta sicurezza e professionalità. E deve Formarsi per seguire le evoluzioni del Prodotto che propone.

Riassumendo: Diffidiamo sempre da chi ci parla sempre e solo di  POSA CERTIFICATA:  è una “Frase ad Effetto” che vuol dire tutto e nulla e nasconde il vuoto… Vuoto di Preparazione. Vuoto di Contenuti. Vuoto di Sistema. Insomma non è il Rivenditore che ci renderà felici. Ci darà forse un prezzo stracciato… Ma sarà proporzionale a quello che ci porterà ed installerà in casa…Ciò che esiste ( o meglio dovrebbe esistere ) è un Sistema, costituito di Fasi Logico/Operative in cui la Posa del Serramento diventa un “ Processo “ metodico e pulito all’ insegna della Professionalità e Buona Organizzazione. Tutto ciò è complicato, tremendamente complicato; ma fa la differenza tra un “Rivenditore Qualsiasi” ed un Consulente Professionale. Tu cosa vorresti per la tua Casa?… Lasciami Indovinare!…

Il Sistema Ingenio.

Quali gli ingredienti di un Buon Sistema? Eccone alcuni. I fondamentali: Step #1. Uscita del Tecnico in Cantiere. Attenzione: ho scritto Tecnico. Non accettate una figura  qualunque che prenda le misure in Casa. Col Rilievo “ inizia di fatto la Posa “. Per cui in Casa...

Posa Certificata. Ma basta!

Posa Certicata… Da CHI? Se provate a fare un salto in uno Showroom di Infissi, la prima cosa che sentirete dire già prima del Buongiorno è “  La nostra Posa è Certificata “. Ebbene: è un Mantra. Una frase che viene sparsa come grano nei vari corsi commerciali. Ma è...

Rivendite di Materiali Edili ed Infissi: una scelta infelice.

La Finestra di oggi è un Sistema Complesso che necessita di un livello di specializzazione e formazione non alla portata di una comune rivendita di materiali edili. Il problema si pone perchè, quando si scelgono gli Infissi, in genere, si scelgono anche altri...
Autore: Ing. Mario Mura

Laurea presso la Facoltà di Ingegneria dell'Università degli Studi di Cagliari, Indirizzo Strutture. Il suo percorso di studi ha avuto perfezionamento attraverso due Masters di Secondo Livello sui temi del Risparmio Energetico e la Fisica dell'Involucro Edilizio. Svolge la libera professione ed è Socio Fondatore di Ingenio. "Essere Ingegnere significa concretizzare di giorno quello che sogno la notte. Se non l'avessi fatto per professione, sarebbe stato di certo il mio primo hobby"

Pin It on Pinterest

Share This